La storia dell'Università di Pisa

L'Università di Pisa è una delle più antiche Università italiane e ancora oggi vanta un posto prestigioso tra gli atenei d'Europa, insieme ad altre istituzioni universitarie, come la Scuola Normale Superiore di Pisa e la Scuola Superiore Sant'Anna.

Curiosità

Alcuni studiosi ritengono che la sua origine storica appartenga al XI secolo, ma i primi dati certi risalgono alla seconda metà del XII secolo con la presenza di scuole di diritto sia laiche che monastiche.

L'istituzione ufficiale dello Studio viene fatta risalire, quindi, al 3 settembre 1343 per volontà di Papa Clemente VI, con la bolla "In supremae dignitatis" emessa a Villanova presso Avignone, che prevedeva gli insegnamenti di teologia, di diritto canonico e civile, di medicina "et qualibet alia licita facultate".

Il 2 dicembre 1343, con un'altra bolla, Clemente VI permette agli ecclesiastici di frequentare lo Studio e nel 1355 lo Studio venne riconosciuto anche dall'imperatore Carlo IV.

A causa delle guerre contro Firenze e per le pestilenze che devastarono tutto il paese, seguirono lunghi periodi di degrado. Nonostante ciò nell'ottobre 1369 venne creato un consiglio di Savi per restaurare ed accrescere lo Studio, così per la prima volta si ebbe l'inizio ufficialmente dell'insegnamento della grammatica.

Ciò non bastò ad evitare la chiusura dell'Università dopo il 1406 sotto la dominazione dei conquistatori fiorentini.

L'Accademia fu riaperta il 1 novembre 1473 per volontà di Lorenzo dè Medici, il quale dispose anche l'edificazione di un apposito ed idoneo edificio in Pisa, la Sapienza, che avrebbe dovuto comprendere non solo i locali per gli insegnamenti delle varie facoltà, ma anche che fosse dimora dei docenti e degli studenti.

Dopo la tentata ribellione della città contro il dominio fiorentino in occasione della venuta di Carlo VIII (1494-1509) l'Università fu trasferita a Firenze. Lo Studio fu poi di nuovo riaperto nel 1515 ma dovette affrontare anni di triste decadenza.

Fu merito di Cosimo I se si ebbe la riapertura dell'Università il 1 novembre 1543 ed il raggiungimento degli antichi splendori.